Torna subito in campo la Vaporart Bernareggio, dopo la brutta sconfitta patita in trasferta contro Cremona, e ad attenderli Vigevano che precede i reds al terzo posto in classifica. Qualche cambio in quintetto per coach Cardani che lancia dal primo minuto Ghedini e Gatti affiancando i soliti Laudoni, Baldini e Tsetserukou.

PRIMO QUARTO – Energia completamente diversa rispetto a quella di sabato già nella prima frazione dove i reds conducono l’inerzia del match con una buona intensità, merito di Tsetserukou sotto le plance ma anche della grandissima difesa messa in mostra da Gatti. Bernareggio che al 5’ tocca anche il massimo vantaggio +9 (20-11) frutto delle tre triple di Tsetserukou, Ghedini e Gatti. Minuto per Vigevano con coach Piazza che si fa sentire e gli ospiti tornano in campo rinati, sfruttando anche una difesa più “morbida” da tre con gli esterni di Vigevano a trovare la via del canestro fino al -1 e addirittura al sorpasso. Ci pensa Todeschini, primi due punti dopo due partite senza, a rianimare i reds dando anche poi la palla ad Almansi per la tripla che rimette 5 lunghezze di distanza tra le due squadre. Vigevano non demorde tornando sul 26-25 finale.

SECONDO QUARTO – Sale sempre in cattedra il bielorusso con una schiacciata da higlights che quasi si porta a casa il canestro. Bernareggio conferma il trend positivo anche in questa seconda frazione riallungando in avvio sul 32-27. Vigevano tenta nuovamente il time-out per spezzare l’inerzia, operazione che non riesce grazie al ritorno in campo di Stefano Laudoni bravissimo a cogliere la tripla del massimo vantaggio sul +10 (42-32). I reds sono quasi perfetti in difesa e in attacco trovano la giusta concentrazione per canestri spettacolari come la tripla di Gatti in faccia a Rossi.  Serie di botta e risposta tra le due formazioni ma con Bernareggio brava e caparbia a tenere la doppia cifra di vantaggio grazie ad un Ka provvidenziale. Vigevano si riaffaccia con Cucchiaro, tripla dall’angolo, e il libero di Bugatti sul -7 ultima palla comunque in mano ai reds che convertono con l’entrata di Laudoni per il 55-46 all’intervallo.

TERZO QUARTO – Inizio agghiacciante di terzo quarto con Vigevano che piazza un piazzale 9-0 spezza gambe che costringe Cardani al time-out. E’ Todeschini, in entrata con fallo non fischiato, a scuotere i reds e fermare l’emorragia. Vigevano non molla l’osso con Rossi in cattedra portandosi sul 61-65. Laudoni in contropiede ed una super difesa di Bernareggio, tornata a livello del primo tempo, permettono di ritrovare il pareggio impattando sul 65-65. Bernareggio apre il parziale di 8-0, con i liberi di Ka, subisce il circus shot di Bugatti ma risponde con la tripla di Almansi per una frazione bellissima. Jumper di Aromando e ultimo tiro in mano a Vigevano che perde palla, grandissimo press reds, e lancia lo stesso Aromando che schiaccia in contropiede per il 76-67.

ULTIMO QUARTO – Tassone da tre per rimanere in partita viene prontamente smentito dalla contro tripla di Quartieri per gli ultimi 10 scoppiettanti minuti. Almansi si prende due punti di prepotenza, rimbalzo sotto canestro da lungo, ma il matador di questo quarto è sempre Daniele Quartieri che trova un’altra tripla, libero in transizione, per l’86-77 che costringe Piazza all’ennesimo minuto. Partita dal punteggio altissimo, 89-80 con ancora 4’ sul cronometro, grazie all’ennesimo canestro di Quartieri in corsa e con la Vaporart che allunga sul +10 con il libero di Laudoni. E’ sempre il numero 8 a fare due giocate super con lo sfondamento subito che causa il quinto fallo di Rossi ed ii contropiede vincenti del +14 (94-80). Torna a segnare Vigevano, con Giorgi, ma Aromando si costruisce la tripla dal palleggio del 97-84. Gli ospiti sono ormai in balia completa dei reds che superano anche quota 100 punti per una vittoria ormai in cascina. Al PalaReds il finale è 106-85, scontro contro Vigevano archiviato e testa alla prossima sfida.

TABELLINO

VAPORART BERNAREGGIO

Ka 8, Ghedini 3, Radchenko, Laudoni 27, Aromando 12, Todeschini 6, Tsetserukou 18, Quartieri 12, Almansi 8, Baldini 4, Giorgetti, Gatti 8.

Ufficio Stampa

Niccolò Arenella