Quarta giornata di campionato tra le mura amiche per la Vaporart Bernareggio che cerca il ritorno alla vittoria dopo la sconfitta subita a Ragusa il turno precedente. Avversari di giornata la sorprendente Bologna Basket 2016 che viaggia all’impressionante media di tre vittorie consecutive. Da segnalare il ritorno in campo, ed in quintetto, a quasi dieci mesi dall’infortunio, di Patrick Gatti. Quintetto appunto composto da Gatti, Todeschini, Baldini, Laudoni e Diouf.

PRIMO QUARTO – Scatta subito Bernareggio con un parziale di 4-0 firmato Laudoni ma con gli ospiti decisi subito a tornare sotto. Bernareggio cavalca la coppia Laudoni-Aromando autori di 13 dei 15 punti totali contro una BB16 che ha in Conti un’arma pericolosissima. Quarto molto equilibrato dal punteggio alto con gli ospiti che si portano al massimo vantaggio sul 17-20 a 1’ dalla fine. Radchenko accorcia in contropiede e l’ottima difesa permette l’ultimo tiro ai reds con ancora 10” da giocare. Todeschini si gioca l’1vs1 ma il suo attacco, con un presunto fallo, non va. Primo quarto che termina 19-20.

SECONDO QUARTO – Serie di errori iniziando il quarto con Bologna che ne approfitta per convertire da sotto canestro ma con Todeschini a trovare la tripla del pareggio. Serie di botta e risposta tra le due formazioni ma con i reds a mettere il naso in avanti con la tripla di Giorgetti dall’angolo e con due punti “in the paint” di Ka per il 29-26 con coach Rota a chiamare il minuto. Rientro in campo con Beretta a trovare i due punti ma soprattutto con il ritorno alla tripla del numero 44 Gatti. I reds trovano continuità dalla lunga distanza ma soffrono terribilmente Beretta, mortifero anche dalla media. Stratosferica media del 50% esatto (5/10) che lancia sul +6 (38-32) la Vaporart. Guerri trova la tripla e Cardani esplode per un passi non fischiato trasformando il canestro in un gioco da 4 punti. Bologna ritrova slancio piazzando il contro parziale di 0-8 riportandosi in vantaggio. Baldini trova il pareggio in contropiede e Laudoni guadagna fallo in contropiede andando in lunetta (1/2), dal rimbalzo Aliou trova altri due punti per il 43-40 finale.

TERZO QUARTO – Il solito Beretta inaugura il quarto con un appoggio da sotto ed una tripla che, intermezzate da Laudoni e Aromando, lasciano la partita in una condizione di sostanziale parità. Gli ospiti trovano il sorpasso con Conti, due triple consecutive, con i reds sempre in partita grazie alla coppia Diouf Aromando. Serie di scambi molto veloci con le due formazioni che prediligono il contropiede primario. La Vaporart riesce  comunque a riprendere vantaggio allungando anche sul +4 (57-53), grazie a due monumentali difese prima di squadra e poi singola con lo sfondamento subito da Laudoni che va anche a segnare il 59-53. Time-out Bologna. Minuto ininfluente visto che al ritorno in campo la pressione difensiva alta di Laudoni porta a due punti di Aromando e in difesa all’ennesima recuperata di squadra. Primo vantaggio in doppia cifra della partita per i reds sul 63-53. Bomba di Almansi innescato da Laudoni, parziale aperto e +13.  Si fa sotto nuovamente Bologna con Conti per tornare sotto la doppia cifra di svantaggio. 66-59 a fine terzo quarto.

ULTIMO QUARTO – Botta e risposta tra le due squadre all’inizio dell’ultima frazione e dopo i primi due minuti di gioco comunque il risultato rimane sempre sul +7 reds. Graziani per il -5 e Cardani chiama un minuto necessario a stoppare l’emorragia. I reds rispondono bene Myers però è freddo dalla lunga distanza e mantiene attaccati i suoi sul 76-72. I padroni di casa però sono determinati a non uscire sconfitti da questa partita e ricacciano indietro gli ospiti grazie ai punti di Aromando, imbeccato da Baldini, per l’83-74. Laudoni si guadagna il viaggi in lunetta che rimanda al doppio vantaggio con 3’56” da giocare. Stefano è carichissimo e si prende la squadra in spalla e quando si sblocca anche Baldini dalla media (88-76) coach Rota è costretto al time-out. Ultimo minuto e Todeschini converte altri due liberi che pongono virtualmente fine alla contesa. Al Palareds finisce 92-80, grande prova di forza reds che finiscono un grande 2020 per loro.

Ufficio Stampa

Niccolò Arenella