Battute finali della stagione 2020/2021 quest’oggi al PalaReds dove, nella consueta conferenza riepilogativa, il patron Max Bardotti e coach Marco Cardani hanno chiuso l’annata sportiva. Un intervento lungo e accorato, scandito dalle domande della stampa locale, che è servito a ripercorrere le tappe di questo campionato ma anche a volgere lo sguardo al futuro.

 

A seguire l’intervento dei due relatori:

 

Max Bardotti, Patron Pallacanestro Bernareggio 99: “Parlando del futuro ho un po’ di idee in testa, sto facendo riflessioni per capire se si può fare qualcosa di più, cercando di coinvolgere investitori per fare qualcosa di meglio, oppure capire se sono arrivato al massimo livello. Tra una decina di giorni cercherò di capire il budget e che cosa fare, è tutto in divenire. Cercherò di fare il meglio anche se oggi, probabilmente, non ho le condizioni di fare le cose fatte bene. Ho avuto nella giornata di oggi un incontro per una partnership per un main-sponsor che se si dovesse concretizzare cambierebbero le prospettive. Questo non vuol dire che io la squadra non la voglia costruire come l’ho sempre fatta, cercando di scommettere sui nostri giocatori, perchè è bello vincere e fare bene con una squadra che è tutta una scommessa. L’obiettivo rimane quello di cercare giocatori non ancora conosciuti, cercando di spendere il meno possibile. Cosa cancellerei? il rammarico più grosso è stato non giocare Gara-4 in casa a roster completo, anche se non è detto poi che avremmo vinto. Sono contentissimo, penso che meglio di così non si potesse fare, la Super Coppa è stata una piacevolissima sorpresa, sapevamo che potevamo fare un buon campionato. Abbiamo due giocatori che andranno al college, due ragazzi che andranno in A2 tra cui Tsetserukou. Ci metto la firma per questo tipo di stagione a livello sportivo. In base a quello che sarà un reale budget si vedrà il da farsi, l’obiettivo è quello di provare a giocare con quattro esteri e un lungo, ma lo vedremo in divenire. Futuro di Cardani? Sono già d’accordo con Marco, che può valutare serenamente le proposte che gli potrebbero arrivare. E’ un allenatore ambizioso ed è giusto che voglia far carriera”.

 

 

 

Marco Cardani, Coach Pallacanestro Bernareggio 99: “La soddisfazione più grande, oltre la Super Coppa, è stato vedere giocatori sconosciuti o conosciuti per caratteristiche negative, andare via dopo una per la loro crescita. Sicuramente sono d’accordo con Max, il non essere stati competitivi da una partita dalla finale brucia molto-  A livello di performance non siamo stati competitivi come lo siamo stati durante l’anno, incontrando squadre più strutturate, e non riuscire a farcela per poco ti segna negativamente. Per quanto mi riguarda, i risultati sono stati importanti, la soddisfazione ci deve essere, non deve passare in secondo piano la crescita dei giocatori, che è uno dei motivi per cui credo che si potesse fare qualcosa di più nelle ultime due partite. Per la maggior parte di noi, me compreso, era la prima esperienza ai playoff, a parte Quartieri, Todeschini e Laudoni per cui possiamo essere soddisfatti. Credo sia molto più utile strutturare i giocatori in base a questa opportunità, potendosi creare sul mercato l’opportunità di plasmare il sistema di gioco, la costruzione del roster e della squadra. Importante è avere dalla parte dello staff tecnico e della società la flessibilità  di potersi adattare”.

 

Ufficio Stampa Pallacanestro Bernareggio 99

Niccolò Arenella