Sfida di cartello al Palareds con la Virtus Padova, terza forza del campionato, che fa visita ai ragazzi di Coach Cardani.

Vaporart reduce dalla cocente sconfitta contro Vicenza della scorsa giornata e che deve rinunciare nuovamente a Gatti infortunato.

Quintetto composto da Radchenko, Todeschini, Laudoni, Baldini e Diouf.

Inizio in salita per i reds che subiscono un parziale di 0-5 in avvio interrotto solo da un sottomano nel traffico di Baldini. Bernareggio comunque non brillantissima in attacco con ben 5 palle perse nei primi 3’10” di gioco. Padova arriva al +8, con un paio di chiamate arbitrali quantomeno dubbie, costringendo Cardani al time-out dopo l’ennesimo fallo.

Todeschini rianima i reds col floater dalla media, due liberi di Restelli e la grande difesa reds – conclusa poi con due punti di Laudoni- danno un controparziale di 6-0 che regala entusiasmo.

Parziale bloccato da una chiamata arbitrale al limite, che causa le vibranti proteste del palazzetto, mandando Padova in lunetta.

Quartieri e Radchenko segnano gli ultimi squilli del quarto che si conclude con il canestro su rimbalzo offensivo di Morgillo. Dopo i primi 10’ è 14-20.

Sempre Quartieri apre il secondo quarto con una bomba “da casa sua” e con una recuperata che costa anche un fallo antisportivo a Padova. Todeschini pesca dalla media il jolly e 5-0 parziale.

Ottovolante difensivo per i reds che alternano fasi di dormite a una solidità difensiva notevole. Radchenko fa esplodere il Palareds con una schiacciata nel traffico da applausi a scena aperta per il -2 reds e time-out Padova.

Tripla di restelli, su assist no look di Radchenko, i reds si assestano sempre più vicino ai veneti.

Quartieri guadagna il giro in lunetta del sorpasso ma prontamente ripresi in una partita che si preannuncia lunghissima.

Parziale 0-5 di Padova sul finire di quarto che sposta l’equilibrio quel giusto che basta per mandare le squadre all’intervallo sul 29-34.

Secondo tempo due buone difese, Todeschini Laudoni a segno e reds che trovano subito fiducia.

Serie di brutti attacchi da entrambe le parti e partita sempre fissa sul +2 ospite fino al reverse di Restelli su pregevole assistenza Todeschini.

Schiavon riporta sul +3 Padova con i reds che accorciano nuovamente trovando Diouf in schiacciata volante.

Padova però comincia a mordere da fuori con Bianconi e Bernareggio che si affida alle entrate di Laudoni.

Botta e risposta tra le due formazioni con Quartieri che fa 0/2 ai liberi consegnando l’opportunità ai veneti, in attacco, di capitalizzare due liberi portandosi nuovamente sul +3.

Laudoni di forza si costruisce un tiro dalla media ma la difesa reds concede due volte su Dagnello quel che basta per far concludere nuovamente in vantaggio gli ospiti sul 49-52.

Ultimo quarto che non vede canestri per i primi 2’ di gioco fino al jumper dal mezz’angolo di Laudoni, essenziale in questo secondo tempo.

Colpo su colpo Baldini risponde agli attacchi veneti indovinando anche la tripla che fa saltare coach Rubini dalla sedia costringendolo a chiamare minuto di sospensione sul vantaggio reds.

Scatenato Baldini in questa ultima frazione segnando ancora di prepotenza.

Padova non è morta con la tripla di De Nicolao annullata però da quella successiva di Laudoni.

I veneti sono chirurgici in attacco sfruttando i 24” e convertendo ogni seconda occasione.

Occasioni che i reds sprecano dalla lunetta (50% abbondante oggi) con Todeschini, libero per fallo tecnico a coach Rubini, ma andando a segno con Saini successivamente.

Lo stesso Saini manda in lunetta con fallo Ferrari, precisissimo, e quando De Nicolao mette la tripla del 63-68 Cardani è costretto al time-out.

Ci pensa Todeschini con un 2+1 a rimettere in rotta la nave brianzola ma Baldini manca la tripla del contro sorpasso.

Laudoni 1/2 in lunetta manca l’aggancio con 35” da giocare ancora sul cronometro.

Padova manca l’attacco ultimo tiro che va a bernareggio con Laudoni che non trova la tripla della vittoria.

Al Palareds finisce 67-68, seconda sconfitta in volata per i reds che vengono battuti per la prima volta tra le mura amiche.

TABELLINO:

Vaporart Bernareggio: Stefano Laudoni 19 (7/9, 1/3), Davide Todeschini 11 (4/6, 0/5), Giacomo Baldini 11 (4/4, 1/2), Daniele Quartieri 9 (0/2, 1/6), Lorenzo Restelli 9 (2/3, 1/4), Vladyslav Radchenko 4 (2/2, 0/1), Baye modou Diouf 2 (1/3, 0/0), Federico Saini 2 (0/0, 0/0), Gian paolo Almansi 0 (0/0, 0/0), Alioune Ka 0 (0/2, 0/0), Federico Marelli 0 (0/0, 0/0), Luca Trassini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 27 – Rimbalzi: 29 8 + 21 (Giacomo Baldini, Baye modou Diouf, Alioune Ka 5) – Assist: 12 (Davide Todeschini 5)